#5giornia5stelle 83° puntata, 1 luglio 2016

13 provvedimenti a favore delle banche, nessuno a favore dei cittadini.” Se dovessimo sintetizzare in una frase la storia del governo Renzi, sarebbe questa. 130 mila le famiglie espropriate: i loro rappresentanti sono stati di nuovo a Roma per far sentire la loro voce. Voce poi portata in aula da Alessio Villarosa, e in strada anche da Daniele Pesco che ricorda come basti non pagare appena tre rate di un mutuo, e la banca possa prendersi il capannone.

Settimana del Brexit. David Borrelli da Bruxelles sottolinea come, per il M5S, la decisione che i cittadini esprimono tramite un referendum debba essere sempre rispettata. Il Parlamento Europeo ha approvato invece una risoluzione assolutamente ingiusta nei confronti della volontà popolare: per questo il M5S ha votato no. Tali ingerenze verso un popolo sovrano non sono di competenza di Juncker e della sua Commissione.

Anche Sergio Battelli, in aula alla Camera, denuncia come il sistema europeo abbia ormai fallito. L’Unione Europea deve essere rifondata con criteri lontani da austerity e fiscal compact, per tornare alla solidarietà e alla collaborazione. In Europa devono tornare a contare i cittadini, che non sono né gli Juncker, né le Merkel né i Renzi.

In Parlamento intanto si continua a infliggere colpi mortali alla filiera dell’olio italiano. I mandanti? Europei, come ricorda Giuseppe L’Abbate in aula: l’Europa chiede, il PD obbedisce, e ora viene tolta addirittura la data di scadenza dalle bottiglie di olio. Il governo accetta tutto, anche ciò che reca danno al Made in Italy, sottolineano Paolo Parentela e Filippo Gallinella.

Alessandro Di Battista denuncia poi come alla Camera il PD discuta solo di legge elettorale: l’unico loro pensiero è essere rieletti e riottenere la poltrona. Vi chiediamo allora di darci una mano, partecipare al movimento, condividere, lavorare nei gruppi sul territorio. Ognuno faccia sua parte per mandare a casa questa gente!

Si rinnovano anche le missioni all’estero, a prezzo di un altro miliardo di euro di soldi pubblici. Al Senato Maurizio Santangelo si chiede se non sia ora di pensare un nuovo modello di difesa, più sostenibile e idoneo al DNA del Paese, invece di sperperare quattrini in F35.

Da Bruxelles, Ignazio Corrao e Laura Ferrara ricordano l’ispezione M5S al Cara di Mineo, il più importante centro d’Europa dove si gonfia il numero dei migranti per truffare lo Stato. Noi diciamo basta: è ora di smantellare i centri di accoglienza e fare verifiche su chi ha diritto già nei paesi di origine.

Infine, al Senato è passata l’approvazione del Disegno di legge sul rinnovo dei mandati degli organi del Coni. Come denuncia Enza Blundo, è stata l’ennesima occasione sprecata, e per l’ennesima volta è colpa del PD che ha preferito dare la precedenza ai suoi inciuci con le lobby dello sport anziché alle esigenze del mondo sportivo.

Clicca qui! Scarica, stampa e diffondi il magazine che racconta ogni settimana tutto quello che succede in Parlamento, e che la TV non dice!

5giornia5stelle va in onda anche su TeleAmbiente – visibile sul canale 78 del digitale terrestre a Roma, Pescara e Perugia e sul canale 218 a Milano – a questi orari: Lunedì 15:30, Martedì 03:30 – 9:30, Mercoledì 12:40 – 9:30, Giovedì 03:00 – 13:30, Venerdì 21:50, Sabato 20:00, Domenica 18:10

Fonte: http://www.movimento5stelle.it/parlamento/2016/07/5giornia5stelle-83-puntata-1-luglio-2016.html?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...