Emodanneggiati: Questo il testo dell’interrogazione alla Lorenzin

ATTO CAMERAINTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/09582

Seduta di annuncio: 678 del 23/09/2016

Firmatari

Primo firmatario: LOREFICE MARIALUCIA

Gruppo: MOVIMENTO 5 STELLE

Data firma: 23/09/2016

Elenco dei co-firmatari dell’atto

GRILLO GIULIA/ MANTERO MATTEO/COLONNESE VEGA/NESCI DALILA/GIORDANO SILVIA/DI VITA GIULIA

Destinatari

Ministero destinatario:

MINISTERO DELLA SALUTE

Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA SALUTE delegato in data 23/09/2016

Stato iter: IN CORSO

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-09582

presentato da

LOREFICE Marialucia

testo di

Venerdì 23 settembre 2016, seduta n. 678

LOREFICE, GRILLO, MANTERO, COLONNESE, NESCI, SILVIA GIORDANO e DI VITA.

Al Ministro della salute .

Per sapere – premesso che:

l’articolo 27-bis del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, ha previsto per i soggetti danneggiati da trasfusione con sangue infetto, o emoderivati infetti, o da vaccinazioni obbligatorie (o ai loro eredi, in caso decesso), il riconoscimento di una somma di denaro a titolo di equa riparazione per il danno subito;

tale riconoscimento è destinato ai soggetti che abbiano presentato domanda di adesione alla procedura transattiva entro il 19 gennaio 2010, nonché ai loro aventi diritto;

sul sito internet del Ministero della salute si legge che «(…..) Il Ministero invierà ai destinatari del beneficio, come individuati dalla normativa, una lettera raccomandata al fine di ottenere, nel termine indicato dalla stessa, la formale accettazione dell’equa riparazione e la formale rinuncia all’azione risarcitoria intrapresa, ivi compresa la procedura transattiva, e a ogni ulteriore pretesa di carattere risarcitoria nei confronti dello Stato anche in sede sovranazionale (….)», allegando altresì un fac-simile al quale il Ministero si è attenuto fino a non poco tempo fa;

sta accadendo però che, contrariamente a quanto previsto dall’articolo 27-bis che statuisce che «La corresponsione è effettuata al netto di quanto già percepito a titolo di risarcimento del danno a seguito di sentenza esecutiva», in alcune lettere pervenute recentemente si faccia riferimento anche al fatto «di non aver percepito da alcuna pubblica amministrazione importi in denaro a titolo di risarcimento del danno (…) e somme in applicazione dell’atto transattivo»;

è evidente come questa nuova espressione appaia in contrasto con quanto sancito dall’articolo di legge e non si capisce la finalità del suo inserimento in seno alle lettere inviate agli aventi diritto –:

quale sia la motivazione per la quale il Ministero abbia richiesto ulteriori informazioni, in ogni caso non attinenti al tenore della legge 24 giugno 2014, n.90, agli aventi diritto all’equa riparazione;

se non ritenga opportuno evitare di richiedere informazioni ulteriori di cui alle ultime lettere di cui in premessa, relative ad eventuali somme percepite dalla pubblica amministrazione a seguito di transazioni effettuate, modificando la formulazione delle lettere stesse. (5-09582)
Fonte

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5/09582&ramo=CAMERA&leg=17

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...