Nomine dirigenze Sanità. Dep. Lorefice: «Il Governo corregga il tiro sugli incarichi dirigenziali e apicali del SSN garantendo trasparenza» -Guarda il video

Incarichi di dirigenti sanitari e amministrativi nel SSN. Porta la prima firma della deputata del M5S Marialucia Lorefice, membro della Commissione Affari Sociali, l’interpellanza urgente ai ministri della Salute e per la semplificazione e la Pubblica amministrazione.

Un’interpellanza che il M5S ha ritenuto necessaria e urgente alla luce dell’atto di segnalazione, ancora inascoltato, fatto da Cantone ben quattro mesi fa e della concomitante dichiarazione d’incostituzionalità della cosiddetta “delega Madia”. «In buona sostanza i dirigenti del SSN -spiega la parlamentare Lorefice-, a legislazione vigente, godono di una clamorosa e inaccettabile esenzione tanto dalle regole della trasparenza, funzionali a prevenire la corruzione, quanto dalle regole di imparzialità nella loro selezione. Con l’interpellanza -sottolinea la parlamentare Lorefice- chiediamo al Governo di cogliere l’occasione di modifica del decreto legislativo sulla dirigenza sanitaria. Modifica resa necessaria dalla dichiarazione d’incostituzionalità della cosiddetta “delega Madia”.

Ci teniamo a precisare che l’interpellanza che abbiamo rivolto al Ministro è urgente non perché la ritiene tale il M5S bensì l’Anac e il suo depotenziato Presidente Raffaele Cantone che, già nel mese di dicembre, ha fatto un preciso atto di segnalazione al Parlamento e al Governo. L’ANAC ha, infatti, segnalato che le disposizioni sulla trasparenza degli incarichi dirigenziali come introdotte o modificate dalla “delega Madia” nel 2016, non si applicano alla dirigenza sanitaria.

Tutto questo è inaccettabile relativamente ad un settore, quello sanitario, i cui dirigenti si trovano a gestire ingenti e importanti risorse economiche destinate alla salute dei cittadini e che, per contiguità alla politica e ad interessi politico-elettorali è, più di ogni altra dirigenza, collocata in un contesto a forte rischio di corruzione.

La risposta del Governo -sottolinea la Lorefice- è stata sconcertante e assolutamente insoddisfacente. Avremmo auspicato un chiaro ed immediato impegno: riportare subito i decreti legislativi e correttivi in Consiglio dei Ministri e apportare le modifiche necessarie (e con l’occasione magari correggere anche il depotenziamento fatto all’Anac in materia di appalti da una manina sconosciuta e dare all’Anac un effettivo potere sanzionatorio in materia di trasparenza). Il Governo ammette l’errore ma scarica sull’Anac la responsabilità d’interpretare le leggi e di rimediare ai suoi errori. È chiaro che in uno stato diritto tra le linee guida e la legge prevale la legge. Ci interessa un’immediata assunzione di responsabilità: il Governo corregga le riforme maldestre tanto annunciate ma progressivamente svuotate e corregga i suoi indicibili errori!»

 

       L’addetto stampa Valentina Maci Odg 153453     

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...