Agricoltura, Lorefice: “Servono risposte urgenti, il nostro impegno è quello di continuare a chiedere interventi risolutivi”

#Agricoltura

Il comparto agricolo è in ginocchio, le cause sono molteplici, tra queste la deflazione che comprime i prezzi, i cambiamenti climatici sempre più estremi, la burocrazia eccessiva, politiche sbagliate che hanno causato l’impossibilità per gli agricoltori italiani di competere su un mercato inondato da prodotti provenienti da Paesi extracomunitari.

La Sicilia è stata, è, tra le regioni più colpite. Più e più volte ho richiesto l’intervento del governo regionale e nazionale a sostegno degli imprenditori agricoli e dei lavoratori del settore, anche perché la crisi economica/agricola è causa di migliaia di #pignoramenti e #aste giudiziarie che giornalmente generano la perdita della prima casa o dei beni indispensabili per lo svolgimento dell’attività lavorativa di moltissime famiglie.

In questi anni, i cittadini, gli imprenditori hanno cercato risposte ricorrendo a tutti gli strumenti disponibili, dallo sciopero della fame, a tavoli tecnici coi sindaci ed i parlamentari del territorio. Hanno ripetutamente chiesto l’adozione di misure urgenti in difesa dell’agricoltura, il riconoscimento dello stato di crisi e la moratoria per i crediti contratti dalle aziende nei confronti di banche o istituzioni, società di riscossione, indebitamenti e passività Inps, hanno chiesto l’attivazione di misure anticrisi immediate e di medio termine attraverso una preventiva e forte contrattazione con l’Unione europea, norme di salvaguardia e revisione degli accordi euro-mediterranei, la perequazione del costo del lavoro e dei costi di produzione con adeguamento a quelli dei Paesi esteri concorrenti, controlli lungo la filiera agroalimentare sulla tracciabilità dei prodotti e sull’etichettatura, interventi per un riequilibrio del meccanismo di domanda e offerta nella grande distribuzione, nonché la moratoria dell’importazione dei prodotti agricoli extracomunitari, la rivisitazione degli attuali accordi con i Paesi extraeuropei per tutelare le coltivazioni e gli allevamenti nell’attuale crisi dei prezzi di vendita all’ingrosso.

Lo abbiamo chiesto anche noi, facendoci portavoce delle loro istanze e attraverso una sinergia a livello regionale e nazionale.

Ho portato le istanze degli agricoltori e degli imprenditori agricoli in Parlamento, ho ripetutamente sollecitato interventi del ministero delle politiche agricole con atti parlamentari e informalmente. Da un sottosegretario all’agricoltura siciliano (che dovrebbe conoscere perfettamente i problemi di uno dei settori economici più importanti della nostra isola) mi sarei aspettata delle soluzioni. Ci hanno abituato, invece, ai soliti proclami e alle solite passerelle.

Questi alcuni dei miei atti sull’argomento:

-iniziative a tutela del comparto agricolo e dei beni indispensabili allo svolgimento dell’attività lavorativa http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5/11619&ramo=CAMERA&leg=17

-sui danni provocati dal gelo e dalle temperature rigide alle coltivazioni

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/15136&ramo=CAMERA&leg=17

-sulla virosi che ha infestato le coltivazioni di pomodoro

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/14606&ramo=CAMERA&leg=17

-sulle infestazioni degli alberi di carrubo e il virus che ha distrutto le coltivazioni di zucchine

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/14555&ramo=CAMERA&leg=17

-sui focolai di brucellosi bovina

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4/09009&ramo=CAMERA&leg=17

-sulla crisi agricola, i pignoramenti e le aste giudiziarie

http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=2/01854&ramo=CAMERA&leg=17

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...